Blog

Medicina Integrata: il Dolore

Ho avuto recentemente occasione di parlare di Medicina Integrata a Pechino. La Cina oggi è un paese tecnologicamente avanzato, ma che si sta impegnando profondamente per rilanciare quella stessa Medicina Cinese che solo 50 anni fa ha cercato di sradicare dalla sua stessa tradizione durante quel processo di modernizzazione noto come “Rivoluzione Culturale”.

Il dolore: un problema mondiale

Nel mondo ogni giorno 1.5 miliardi di persone soffrono di dolore cronico. Secondo le statistiche una persona ogni 3 negli Stati Uniti e 1 persona ogni 5 in Europa riferiscono almeno una forma di dolore cronico. Le 3 cause più comuni di dolore cronico sono: la lombalgia (29%), il dolore al collo (16%) e l’emicrania o cefalea tensiva (15%).

Cos’è il dolore?

Il dolore può essere “acuto” e in tal caso ci informa che il nostro corpo è stato danneggiato. Il dolore in questo caso è causato dalla compressione delle strutture legato all’infiammazione e all’edema che ne consegue.

Il dolore “cronico” è invece più complesso: la sua precisa eziologia non è ancora completamente chiara alla scienza. Quello che oggi appare più plausibile è che ci possa essere un danneggiamento delle fibre nervose oppure un’alterazione dell’interpretazione degli impulsi afferenti da parte del sistema nervoso centrale. Come se il cervello fosse in “tilt” e interpreti come doloroso uno stimolo che, in realtà, non è tale.

Dolore e qualità di vita

Circa due terzi delle persone che accusano dolore riportano di avere un problema legato al sonno. La privazione di sonno è in grado a sua volta di incrementare il dolore percepito. Questo instaura un circolo vizioso difficile da interrompere senza un aiuto esterno. Il dolore è in grado di ridurre drammaticamente la qualità di vita e di incrementare di molto il costo della spesa sanitaria di tutti i paesi del mondo. L’emicrania è la terza malattia più diffusa e la prima causa di assenza dal lavoro al mondo.

Controllo del dolore: la terapia farmacologica

La medicina occidentale ha cercato una risposta al dolore sviluppando una terapia farmacologica adatta a trattare il dolore nelle sue diverse nature. I principali farmaci a disposizione sono antidolorifici, antinfiammatori, antineuropatici e oppioidi. La ricerca in questo campo è molto florida e ogni anno vengono proposti dalle case farmaceutiche nuovi farmaci pensati apposta per le situazioni più particolari.

Controllo del dolore: la terapia fisica

Negli ultimi anni il numero di studi scientifici riguardo al dolore sono aumentati e sempre maggiore attenzione è stata rivolta alla terapia fisica. Questo approccio prevede l’impiego della ginnastica correttiva, di attività fisica come il pilates oppure l’Agopuntura per il trattamento del dolore cronico. L’idea è che rimettere in movimento l’articolazione permette al sistema nervoso centrale di fuoriuscire dal meccanismo aberrante sottostante al dolore cronico. Inoltre il rinforzo della muscolatura permette una migliore stabilità articolare, premessa indispensabile anche per un miglioramento della funzionalità e, naturalmente, in senso preventivo.

La mia esperienza

Nel mio lavoro mi occupo tutti i giorni di Agopuntura. Tuttavia occuparsi della salute non permette ragionamenti di parte. Per questo motivo sono solito utilizzare tutti gli strumenti a disposizione per fornire ai miei pazienti il meglio di quello che l’unione delle tecniche derivate dalla tradizione orientale e occidentale possono fornire. Questo spesso si traduce con una sinergia che prevede da un lato l’applicazione dell’agopuntura e l’indicazione di particolari ginnastiche mirate per la riabilitazione, dall’altro l’impiego di una terapia farmacologica mirata sul paziente, i suoi problemi e le sue esigenze.

Terapia del dolore: tra innovazione e tradizione.

Occuparsi del dolore è un argomento complesso, che necessita dell’unione di competenze diverse e, non per ultimo, di un certo grado di empatia verso i propri pazienti. Avendo avuto occasione di lavorare a lungo in strutture pubbliche e private ho compreso come la terapia del dolore necessiti di un approccio che sappia abbracciare medicine diverse, farmaci complessi e tecniche sempre nuove.

In passato era prassi comune che il medico afferente alla tradizione cinese suggerisse al proprio paziente un preparato a base di erbe per trattare i suoi malanni o per lenire i suoi dolori. La terapia farmacologia moderna ci permette di effettuare un buon trattamento medico senza correre i rischi legati all’uso di sostanze naturali che, in alcuni casi, possono essere tossiche o, più in generale, poco sicure.

Il trattamento del dolore si basa su una conoscenza profonda della terapia fisica – in primo luogo la millenaria agopuntura, ma anche lo yoga, il pilates e altre forme di esercizio fisico hanno dato prova di una certa efficacia – unita al costante aggiornamento sugli sviluppi della moderna terapia farmacologica di sintesi occidentale.

medico con aghi d'agopuntura

BIBLIOGRAFIA

  • National Center for Health Statistics (2006) Health, United States, 2006 [Online] Available from: https://www.cdc.gov/nchs/data/hus/hus06.pdf [Ultimo accesso 12 Settembre 2017].
  • Johannes, C. B., Le, T. K., Zhou, X., Johnston, J. A., & Dworkin, R. H. (2010). The prevalence of chronic pain in United States adults: results of an Internet-based survey. The Journal of Pain : Official Journal of the American Pain Society, 11(11), 1230–1239.
  • Breivik H, Collett B, Ventafridda V, Cohen R, Gallacher D. Survey of chronic pain in Europe: prevalence, impact on daily life, and treatment. Eur J Pain. 2006;13:287–333.
  • Hsiao-Yu et al. Chinese Herbs Containing Aristolochic Acid Associated with Renal Failure and Urothelial Carcinoma: A Review from Epidemiologic Observations to Causal Inference. Biomed Res Int. 2014. 2014: 569325. Published online 2014 Aug 27.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *