Blog

Quando i sintomi del Covid-19 persistono cosa fare?

Sintomi persistenti da Covid-19 

La maggior parte delle persone che hanno la malattia da coronavirus 2019 (COVID-19) guarisce completamente entro poche settimane. Ma alcune persone, anche quelle che hanno avuto versioni lievi della malattia, continuano a manifestare sintomi dopo il loro recupero iniziale. Queste persone a volte si descrivono come “portatori di sintomi prolungati” e la condizione è stata chiamata sindrome post-COVID-19 o “Long-COVID”.

Le persone anziane e le persone con molte gravi condizioni mediche hanno maggiori probabilità di manifestare sintomi persistenti di COVID-19, ma anche le persone giovani e altrimenti sane possono sentirsi male per settimane o mesi dopo l’infezione.

Quali sono i sintomi persistenti da covid-19?

I segni e sintomi più comuni che persistono nel tempo includono:

  • Stanchezza
  • Fiato corto
  • Tosse
  • Dolori articolari
  • Dolore al petto

Altri segni e sintomi a lungo termine possono includere:

  • Dolore muscolare o mal di testa
  • Battito cardiaco veloce o martellante
  • Perdita dell’olfatto o del gusto
  • Problemi di memoria, concentrazione o sonno
  • Eruzione cutanea o perdita di capelli

Danno d’organo causato da COVID-19

Sebbene il COVID-19 sia visto come una malattia che colpisce principalmente i polmoni, può danneggiare anche molti altri organi. Questo danno d’organo può aumentare il rischio di problemi di salute a lungo termine. Gli organi che possono essere influenzati da COVID-19 includono:

  • Cuore. I test di imaging effettuati mesi dopo il recupero da COVID-19 hanno mostrato un danno duraturo al muscolo cardiaco, anche in persone che hanno manifestato solo lievi sintomi di COVID-19. Ciò può aumentare il rischio di insufficienza cardiaca o altre complicazioni cardiache in futuro.
  • Polmoni. Il tipo di polmonite spesso associato a COVID-19 può causare danni di lunga durata alle minuscole sacche d’aria (alveoli) nei polmoni. Il tessuto cicatriziale risultante può portare a problemi respiratori a lungo termine.
  • Cervello. Anche nei giovani, COVID-19 può causare ictus, convulsioni e sindrome di Guillain-Barre, una condizione che causa una paralisi temporanea. COVID-19 può anche aumentare il rischio di sviluppare il morbo di Parkinson e il morbo di Alzheimer.

Covid-19, trombosi e problematiche vascolari

COVID-19 può aumentare le probabilità che le cellule del sangue si aggreghino e formino coaguli. Mentre i grossi coaguli possono causare infarti e ictus, si ritiene che gran parte del danno cardiaco causato da COVID-19 derivi da coaguli molto piccoli che bloccano minuscoli vasi sanguigni (capillari) nel muscolo cardiaco.

Altre parti del corpo colpite da coaguli di sangue includono polmoni, gambe, fegato e reni. COVID-19 può anche indebolire i vasi sanguigni e causare microemorragie, il che contribuisce a problemi potenzialmente di lunga durata al fegato e ai reni.

Post-Covid-19: problemi con l’umore e la stanchezza

Le persone che hanno sintomi gravi di COVID-19 spesso devono essere trattate nell’unità di terapia intensiva di un ospedale, con assistenza meccanica come ventilatori per respirare. Sopravvivere semplicemente a questa esperienza può aumentare le probabilità che una persona sviluppi in seguito sindrome da stress post-traumatico, depressione e ansia.

Poiché è difficile prevedere i risultati a lungo termine del nuovo virus COVID-19, gli scienziati stanno esaminando gli effetti a lungo termine osservati nei virus correlati, come il virus che causa la sindrome respiratoria acuta grave (SARS).

Molte persone che si sono riprese dalla SARS hanno sviluppato la sindrome da stanchezza cronica, un disturbo complesso caratterizzato da stanchezza estrema che peggiora con l’attività fisica o mentale, ma non migliora con il riposo. Lo stesso può essere vero per le persone che hanno avuto COVID-19.

Molti effetti COVID-19 a lungo termine sono ancora sconosciuti

Molto è ancora sconosciuto su come COVID-19 influenzerà le persone nel tempo. Tuttavia, i ricercatori raccomandano ai medici di monitorare attentamente le persone che hanno avuto COVID-19 per vedere come funzionano i loro organi dopo il recupero.

Molti grandi centri medici stanno aprendo cliniche specializzate per fornire assistenza a persone che hanno sintomi persistenti o malattie correlate dopo il recupero da COVID-19.

È importante ricordare che la maggior parte delle persone che hanno COVID-19 si riprende rapidamente. Ma i problemi potenzialmente di lunga durata da COVID-19 rendono ancora più importante ridurre la diffusione della malattia seguendo precauzioni come indossare maschere, evitare la folla e tenere le mani pulite.

Covid-19, lunghe sequele, agopuntura e medicina cinese

La Medicina Cinese tratta le patologie infettive e le sue sequele da migliaia di anni. Per quanto oggi sia sicuramente la medicina occidentale a offrire le migliori alternative terapeutiche per il trattamento dei casi gravi, la medicina cinese offre certamente interessanti vantaggi nella prevenzione della malattia e nel trattamento dei sintomi post-infezione, le “lunghe sequele” del Covid-19.

L’agopuntura si è già rivelata in passato un’ottima alleata per il trattamento della sindrome da stanchezza cronica, i dolori articolari, i livelli di infiammazione e il ritmo del sonno. Secondo ricercatori cinesi l’agopuntura può offrire un contributo nel recupero dell’olfatto e del gusto quando sono stati colpiti dall’infezione da Covid-19.

L’agopuntura è una tecnica dagli effetti collaterali praticamente inesistenti ma che può offrire oggi un grande contributo nel combattere le sequele dell’infezione da coronavirus. Se avete dei sintomi che sono nati con l’infezione e che faticano a passare spontaneamente, scrivetemi una mail con il modulo di contatto, sarò felice di fornirvi il mio parere e segnalarvi se l’agopuntura può fare a caso vostro!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *