Blog

Il Solstizio d’estate in Cina – 夏至

Il Solstizio d’estate dalla tradizione ad oggi

吃过夏至面
“Dopo aver mangiato i noodle nel giorno del Solstizio d’estate,
一天短一线
i giorni saranno sempre più corti”
中国口语
Proverbio Cinese
Così recita un adagio cinese. La tradizione vuole che nel giorno del solstizio d’inverno vengano mangiati i ravioli mentre nel giorno del solstizio d’estate gli spaghetti. Nel periodo del massimo Yin, l’inverno, vengono quindi consigliati cibi caldi e riscaldanti come i ravioli in zuppa, mentre nel periodo del massimo Yang, oggi, vengono consigliati piatti in grado di rinfrescare.
piatto di noodle, spaghetti cinesi

Yin e Yang delle stagioni

Il reciproco scambio dello Yin e dello Yang è individuabile in ogni aspetto della cultura cinese, stagioni comprese. Lo Yin, freddo e immobile, è rappresentato dal giorno più corto dell’anno, il solstizio d’inverno, in cui si assiste alla notte più lunga e la natura è cristallizzata sotto una coltre di neve. Lo Yang, caldo e dinamico, trova il suo corrispettivo nel giorno più lungo dell’anno: il solstizio d’estate. Oggi infatti la si assiste alla giornata più lunga dell’anno, lo Yang dei diecimila esseri è in esubero e tutti, nessuno escluso, risuoniamo all’interno di questa qualità del tempo.
simbolo yin e yang in vecchio libro cinese antico

Ma perché proprio i noodle?

Nulla è lasciato al caso nella tradizione cinese. Il mese di Giugno, la quinta luna 五月 dall’inizio dell’anno solare della tradizione cinese è il mese in cui giunge a maturazione il Triticum Aestivum, meglio conosciuto come grano. La scelta degli spaghetti deriva dal fatto che proprio in questi giorni avviene la raccolta del grano, ingrediente essenziale per la preparazione di questo piatto. Un piatto abbondante di spaghetti simboleggia un buon raccolto ed è considerato di buon auspicio.

uomo impasta spaghetti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *