Blog

Dietetica cinese: alimentazione vegetariana

Pillole di lunga vita

Il terzo centenario della leggenda taosita ammette di aver raggiunto la longevità perché ha una dieta vegetariana. Tra i 10 consigli di lunga vita, 2 riguardano l’alimentazione. Il primo porta l’attenzione sul quanto mangiare e il come mangiare. Il secondo consiglio, invece, sul cosa mangiare. Quanto è importante mantenere una dieta vegetariana?

La dieta vegetariana

Oggi sappiamo dalla ricerca scientifica che essere vegetariani o semi-vegetariani (mangiare carne meno di una volta alla settimana) ha considerevoli vantaggi da un punto di vista della salute. In particolare :

  • riduzione del rischio di obesità e ipertensione
  • riduzione del rischio cardiovascolare e di sviluppo di diabete
  • miglioramento funzioni cognitive in soggetti sani e affetti da demenza (Alzheimer, Parkinson)
  • migliorare le bronchiti croniche ostruttive (BPCO)
  • ridurre gli effetti degli inquinanti ambientali sui polmoni
  • Sembra inoltre incrementare la massa ossea, la salute degli occhi, ridurre il rischio di artrite e ridurre il rischio di sviluppo di neoplasie.

La migliore dieta possibile

Secondo Zhu Danxi 朱丹溪 il modo migliore per conservare la nostra essenza e al contempo nutrirci correttamente è il sistema Qing Dan 清淡.  Una dieta semplice, basata sul consumo di verdure e cereali, con l’aggiunta di sporadiche quantità di carne e cibi nutrienti in grado di tonificare il corpo. Apparentemente la nostra “dieta mediterranea” si avvicina molto quello che Zhu Danxi riteneva “la migliore dieta possibile”.  Il nostro stile di alimentazione è invidiato in tutto il mondo e imitata, spesso con sfumature tra il ridicolo e il grottesco, come il vino rosso “in pillole”.

Mangiare solo frutta e verdura, è giusto?

Secondo la Medicina Cinese, non è corretto. Ogni paziente è un caso unico ed esiste pur sempre un’eccezione. Il consumo di frutta e verdura fresca, anche se indispensabile per avere un corretto apporto di nutrienti, non deve essere eccessivo. L’eccesso di alimentazione cruda, come frutta e vedura, affatica il sistema digerente, consuma lo Yang fisiologico e porta alla formazione di Umidità, un tipo particolare di energia che ci farà sentire, nel migliore dei casi, stanchi, gonfi e rallentati. La carne e il pesce sono alimenti in grado di fornire all’organismo  un particolare tipo di energia che difficilmente potremo integrare con altri stratagemmi, come la fitoterapia. Il loro consumo eccessivo può portare allo sviluppo di Calore (nausea, dermatite, eruttazioni, cefalea, insonnia…), ma la loro carenza è altrettanto dannosa per la salute.

 

BIBLIOGRAFIA

  • Crowe FL et al (2013). Risk of hospitalization or death from ischemic heart disease among British vegetarians and non vegetarians. Results from the EPIC-Oxford cohort study. American Journal of Clinical Nutrition. Vol 97(3), pp597-603.
  • Orlich MJ et al (2013). Vegetarian dietary patterns and mortality in Adventist Health Study 2. Journal of American the Medical Association. Vol 173(13), pp1230-8.
  • Hung HC et al (2004). Fruit and vegetable intake and risk of major chronic disease. Journal of the National Cancer Institute, vol 96(21), pp1577-84.
  • Carter P et al (2010). Fruit and vegetable intake and incidence of type 2 diabetes mellitus: systematic review and meta-analysis. British Medical Journal, vol 341, c4229.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *